Chi alimenta l’antipolitica

Idee — By on 10 aprile 2012 13:18

L’editoriale di Angelo Panebianco sul Corriere della Sera oggi in edicola. Si parla di finanziamento pubblico ai partiti e dell’ipotesi di nuova legge elettorale, temi sui quali il politologo bolognese ha idee molto chiare.

Intervenendo sulla vicenda dei finanziamenti ai partiti il presidente della Repubblica ha ammonito che ciò che rischiamo è «la fine della democrazia e della libertà». Ad alcuni, quella di Napolitano, sarà parsa una forzatura retorica. Ma non lo è. Gli scricchiolii sono sempre più numerosi, il rischio c’è. Si consideri la contestuale presenza di tre elementi. In primo luogo, una crisi economica destinata a durare a lungo, per anni probabilmente, con tanti giovani disoccupati e l’impoverimento di molte famiglie. In secondo luogo, una condizione di generale discredito dei partiti e della classe politica professionale. Infine, l’incapacità di quella medesima classe politica di trovare rimedi adeguati per la crisi di legittimità che l’ha investita. È la sinergia fra questi tre fatti che può provocare conseguenze devastanti.

Sbaglia chi crede che la crisi della Lega tolga semplicemente di mezzo uno dei principali strumenti di canalizzazione di umori antipolitici, che quella crisi sia un colpo all’antipolitica. Semmai, contribuisce a esasperarla. L’antipolitica è il convitato di pietra della politica italiana, si nutre del suo discredito, ne succhia il sangue, e può, in qualunque momento, esplodere in forme imprevedibili. Quando i sentimenti antipolitici diventano dominanti, e certamente lo sono oggi in Italia, aspiranti demagoghi di ogni genere si fanno avanti per intercettarli e assicurarsi un lauto bottino. Chi pensa che alle prossime elezioni politiche il gioco, e il pallino, resteranno interamente nelle mani delle vecchie oligarchie forse si illude. È possibile che la combinazione dei tre elementi suddetti (crisi economica, discredito della politica, inadeguatezza delle risposte al discredito) favorisca il successo di movimenti di protesta a vocazione autoritaria, già esistenti o in via di costituzione, non importa di quale colore politico. Con effetti di condizionamento sull’intera politica italiana.

Leggi tutto l’editoriale sul sito del Corriere.

Immagine in evidenza: “Mirror reflections” di Jorge Guzman (Licenza CC)

Commenti Facebook

comments

Tags: , , , ,

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment